fbpx
costi fissi dell'energia

I costi fissi dell’energia elettrica e il loro impatto

Continuiamo la nostra analisi sulle voci che troviamo nella nostra bolletta, e dopo aver visto da cosa è formato il costo dell’energia, analizziamo adesso la voce relativa ai costi fissi dell’energia elettrica, prendendo come esempio un contratto di fornitura domestica.

Le componenti dell’importo della bolletta

La seconda sezione del dettaglio della bolletta riguarda gli importi fatturati, che vengono illustrati in maniera specifica e costituiscono il totale da corrispondere al fornitore. Le componenti che costituiscono l’importo della bolletta sono tre: servizi di vendita, servizi di rete e imposte. I servizi di vendita riguardano il costo della materia prima energia, mentre le altre riguardano i costi fissi dell’energia.

Cosa sono i costi fissi dell’energia?

L’importo della bolletta, come abbiamo già detto, è composto dall’energia elettrica effettivamente consumata e da altre voci, regolarmente riportate, che vanno a comporre la fattura nel suo insieme. Vediamo nel dettaglio quali sono questi costi, definiti abitualmente costi fissi dell’energia.

I SERVIZI DI RETE

Alla voce servizi di rete, situati subito dopo i servizi di vendita e sono la seconda componente del totale, troviamo il prezzo da pagare al nostro fornitore per i costi sostenuti per il trasporto dell’energia elettrica fino al contatore dell’utente, in modo da poter erogare energia, per la gestione del contatore stesso e per poter effettuare la lettura telematica dei consumi degli utenti.
I costi dei servizi di rete sono stabiliti dall’ARERA, in modo che siano uniformi in tutto il territorio nazionale. Sono stabiliti in base a indicatori che tengono in conto l’inflazione, gli investimenti realizzati e gli obiettivi di recupero di efficienza. In questo modo, i servizi di rete non possono essere oggetto di concorrenza tra le varie aziende fornitrici poiché tutte, per poter svolgere la propria attività di fornitura, si avvalgono delle infrastrutture già esistenti.

costi fissiIl dettaglio in bolletta

Nel dettaglio della spesa in bolletta, possiamo suddividere la voce dei servizi di rete in tre quote:

  • Quota Fissa, a copertura dei costi commerciali, è un importo fisso annuo indipendente dai consumi;
  • Quota Potenza, il cui importo varia a seconda della potenza impegnata da contratto;
  • Quota Variabile, costo relativo alla quantità di energia elettrica trasportata per coprire le necessità del cliente, quindi variabile a seconda del consumo registrato nel periodo di riferimento, suddivisa in scaglioni di consumo.

I servizi di rete comprendono, inoltre, gli oneri generali di sistema, che vengono riportati nel dettaglio della bolletta una volta l’anno. Questi oneri sono introdotti da leggi e decreti ministeriali stabiliti al fine di sostenere interventi di utilità e interesse generale.

Il contributo delle imposte ai costi fissi

In ultimo, nel dettaglio della bolletta troviamo la voce delle imposte. Si tratta dei costi dell’imposta erariale di consumo, detta anche accisa. L’accisa è indipendente dal fornitore scelto, poiché stabilita dall’Autorità, e varia a seconda del consumo di energia in kWh. Gli utenti domestici con contratto di fornitura residenziale usufruiscono di una agevolazione sull’importo dell’imposta erariale in caso di consumi bassi (fino a 1800 kWh annui).

Riassumendo, i costi fissi comprendono:

  • Spese per il trasporto e la gestione del contatore: sono i costi sostenuti per trasportare e distribuire l’energia elettrica e le spese che il gestore sostiene per la gestione dei contatori;
  • Spese per gli oneri di sistema: legata alla copertura di una serie di attività relative al sistema elettrico, come per esempio i finanziamenti alle fonti rinnovabili o gli oneri per il bonus elettrico;
  • Imposte, cioè IVA e accise: l’IVA è applicata sul costo totale della bolletta, mentre le accise sulla quantità di energia consumata.

Sia ai servizi di rete che alle imposte viene applicata l’IVA del 10% in caso di contratto domestico; in caso di contratto business l’IVA sale al 22%.
I Servizi di rete e le Imposte non potranno subire variazioni nel passaggio dal servizio di maggior tutela al mercato libero, poiché sono costi stabiliti per legge, che variano in base ai consumi, al cui pagamento sono tenuti tutti i consumatori, poiché necessari alla gestione del sistema elettrico nazionale.

Cerchi maggiori informazioni sulle nostre offerte su energia elettrica e gas? Vai sulla pagina Contatti e scopri come entrare nel mondo di NoiEnergia

1
Ciao da NoiEnergia! Scrivi al nostro Servizio Clienti su WhatsApp!
Powered by
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi