fbpx
climatizzatore

Climatizzatore alcuni consigli per usarlo correttamente

Estate: tempo di sole, di mare, di climatizzatore funzionante e della paura di vedere esplodere le spese in bolletta. Ecco alcuni suggerimenti su un buon utilizzo.

In estate è inevitabile un aumento dell’uso del climatizzatore. Ma questo non significa che bisogna farlo senza alcuna precauzione. L’uso sbagliato condiziona i consumi energetici, che si impennano con un aumento dei soldi che paghiamo in bolletta energetica. Consigli su come utilizzare correttamente il climatizzatore arrivano da più parti, per esempio il decalogo stilato dagli esperti dell’ENEA.
NoiEnergia vi consiglia alcuni “trucchi” su come utilizzare il condizionatore in maniera efficiente e sostenibile. Così potrete rinfrescare gli ambienti in modo ottimale e senza eccessive spese sulla bolletta.

Differenza fra climatizzatore e condizionatore

Partiamo spiegando la differenza fra climatizzatore e condizionatore, termini utilizzati come sinonimi, ma che hanno un significato diverso, essendo dispositivi diversi con caratteristiche proprie.

La differenza fondamentale tra il climatizzatore e il condizionatore risiede nel differente funzionamento e nelle opzioni a disposizione degli utenti. Il condizionatore può raffreddare l’aria, permettendo solo di impostare la velocità della ventola. Il climatizzatore, evoluzione del condizionatore, mette a disposizione dell’utente la possibilità di regolare in autonomia queste funzioni, dando più stabilità al controllo. Quando viene raggiunta la temperatura impostata, il dispositivo funziona al minimo mantenendo il livello desiderato. Quando c’è una variazione dovuta a cause esterne, ci sono dei sensori che lavorano per l’ambiente alla temperatura desiderata. Inoltre il condizionatore permette di deumidificare gli ambienti e può funzionare anche in modalità riscaldamento (la cosiddetta pompa di calore).

Considerazioni iniziali sull’uso del climatizzatore

Il climatizzatore ormai è un elettrodomestico di largo consumo, visto che quasi il 40% degli italiani ne ha uno e il 90% degli uffici pubblici è attrezzato con apparecchi di questo tipo. La tecnologia ha fatto enormi passi in avanti in materia di risparmio energetico, e oggi un apparecchio di classe A++ riduce il consumo di energia, e quindi il costo in bolletta, a un terzo rispetto a un condizionatore di classe inferiore.

Alternativa al climatizzatore

L’alternativa al climatizzatore c’è ed è assolutamente naturale: la vecchia tecnica delle correnti d’aria. Createle tra una stanza e l’altra attraverso l’apertura di una porta e una finestra. La casa sarà fresca in modo naturale senza l’utilizzo di alcun impianto di raffreddamento. Infine, evitate di lasciare porte e finestre aperte. Consiglio che sembra banale, ma così si evita di riscaldare l’aria all’interno. Per evitare che l’aria fredda esca dalla casa o entri aria calda è bene tenere le aperture di casa chiuse e, se possibile, le tapparelle abbassate.

climatizzatori_articolo

Come è possibile risparmiare?

Ecco alcuni pratici consigli che NoiEnergia raccomanda, per non sprecare corrente elettrica con i climatizzatori durante l’estate:

  • La scelta del climatizzatore: occhio alla classe energetica! – Il primo suggerimento parte dalla scelta dell’apparecchio: sono da preferire i modelli in classe energetica A o superiore. La maggiore spesa iniziale è compensata rapidamente dal calo dei consumi in bolletta. Questi apparecchi possono comportare una riduzione dei consumi circa del 30 per cento. Preferite quelli dotati di tecnologia inverter, che adeguano la potenza all’effettiva necessità e riducono i cicli di accensione e spegnimento.
  • Posizionamento – Gli apparecchi devono essere collocati in alto, perché l’aria fredda tende a scendere. In questo modo, l’efficacia del raffreddamento è più alta se la posizione è corretta. Mai posizionare il climatizzatore dietro tende e divani. Questo impedirebbe all’aria fresca di propagarsi, bloccandola in un determinato spazio.
  • Impostare correttamente la temperatura – È essenziale fare attenzione alla temperatura impostata. Non bisogna mai impostare temperature inferiori ai 26°C. In generale, sono sufficienti temperature di circa 3°C in meno rispetto alla temperatura esterna. In giornate estremamente calde, lo scarto può arrivare fino a 6°C. Spesso basta attivare solo la funzione “deumidificazione”.
  • La manutenzione – È importante ricordare che sia i filtri dell’aria, sia le ventole devono essere puliti alla prima accensione stagionale. Nei filtri si possono trovare facilmente muffe e batteri, dannosi per la salute. Ogni 2/3 anni è consigliata una verifica del corretto funzionamento da parte di un tecnico.
  • Quando accendere l’apparecchio – La mattina e la sera è preferibile evitare l’accensione. Il condizionatore d’aria va utilizzato solo nelle ore più calde della giornata e solo nei casi di necessità reale. Se non serve, tenetelo pure spento. L’abitudine di lasciarlo accesso anche quando non fa caldo o non si è presenti in una stanza o in casa è un pessimo alleato della vostra bolletta.
  • Un utilizzo saggio – Usare il timer e la funzione “notte” riduce al minimo necessario il tempo di accensione dell’apparecchio. In più programmare il condizionatore, scegliere la funzione “dry” (o deumidificazione) e effettuare una corretta manutenzione aiuta a risparmiare fino a 150€ su base annuale.

Esiste un bonus sull’acquisto del climatizzatore?

Per l’acquisto di un impianto di climatizzazione non esiste un vero e proprio bonus energetico, ma esistono alcune agevolazioni per l’acquisto di mobili in seguito a ristrutturazione e per gli interventi di efficienza energetica (il cosiddetto Ecobonus).

Le spese per l’acquisto e l’installazione del climatizzatore (o dei climatizzatori) rientrano nei costi del rifacimento di un appartamento. La detrazione prevista è pari al 50% di quanto speso per acquistare il climatizzatore a pompa di calore. La detrazione può essere compresa sia alla voce delle ristrutturazioni, sia alla voce dell’acquisto dei grandi elettrodomestici di classe minima A+. Il requisito necessario è che l’impianto debba essere di raffreddamento e riscaldamento (pompe di calore). Tetto massimo di spesa edile superare i 96.000 euro (compreso il costo dell’apparecchio).

Lo sconto fiscale è possibile facendo rientrare l’acquisto e l’installazione di un nuovo impianto di climatizzazione sotto la voce dell’Ecobonus. Secondo l’Agenzia delle Entrate la percentuale sale fino al 65%, per gli apparecchi ad altissima efficienza e con pompa di calore in sostituzione di un vecchio impianto, anche in assenza di interventi di ristrutturazione energetica.

È opportuno sottolineare che i due incentivi fiscali non sono cumulabili e che l’acquisto dei climatizzatori è tra quelle spese che prevedono l’Iva agevolata al 10%.

 

1
Ciao da NoiEnergia! Scrivi al nostro Servizio Clienti su WhatsApp!
Powered by
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi